Carro - Patriziato di Faido

Vai ai contenuti

Menu principale:

Carro

Segheria > Fotografie

Il   carro della macchina da segare

Il carro è stato trovato in uno stato fatiscente sia per la parte in legno come per quella meccanica.


La parte portante (soletta) del carro a dovuto essere rimaneggiata completamente in quanto tutte le travi portanti erano marcescenti. Il settore verso il portone è stato risolto segando le travi e creato un sostegno in cemento armato con una rigola per contenere l'eventuale acqua proveniente dai muri esterni; mentre la parte verso la cascata è stata posata una putrella in ferro, le travi marce sono state tagliate e sostituite con travi di larice regalati da Helenio Grotto.


La parte in legno (bancale) è stata rimossa completamente e sostituita con assi in larice forniti gratuitamente dalla Ditta Lombardi di Biasca.

La posa del nuovo assito è stata fatta da Renato Rizzi e Rolando Orchide  è stato pure

Posato, ai bordi del carro un angolare di protezione degli assi al momento del carico delle borre.


I binari per lo scorrimento del carro verso il portone mancavano completamente.Sono

Stati posati nuovi binari acquistati presso la ditta Montsthal di Stabio, sistemati nell'officina della CEF. Visto che erano più piccoli del normale si è provveduto allla saldature dei binari su un ferro piatto della misura 10mm x 10mm su tutta la lunghezza dei binari.


La parte meccanica ha voluto la sostituzione di una sezione di chiusura (morsa per il fissaggio delle borre). Abbiamo potuto sistemare il tutto accorciando il carro e ricuperando le parti meccaniche ancora in ordine.


Le ore di volontariato dedicate per la riattazione della parte portante del carro eseguite da Edo Tagliabue, Rolando Orchide e Rizzi Renato sono state circa 120.


 
Torna ai contenuti | Torna al menu